Hibiscus palustris

vedi anche: ibiscus

Irrorazione e annaffiatura dell'hibiscus palustris

Questa pianta trae esclusiva origine dai continenti asiatico e americano e viene classificata nello specifico e vasto raggruppamento familiare delle Malvaceae. L'erbacea perenne si fa vivamente apprezzare per il dentellato fogliame e per le grandi e variegate infiorescenze, con tinte dal candido al rosaceo fino al vermiglio. Viene perci˛ sovente impiegata per abbellire giardini, aiuole e, in particolare, stagni e bacini d'acqua decorativi. L'Hibiscus palustris denota una notevole necessitÓ di irrorazione: andrÓ, quindi, costantemente e generosamente bagnato nel corso della stagione primaverile ed estiva, nonchÚ innaffiato con moderazione anche durante la restante parte dell'anno. BisognerÓ, peraltro, curare che tra un annaffiamento e l'altro la terra di coltura rimanga sempre ben inumidita.
Hibiscus palustris

Pittosporum tenuifolium "Variegatum" (Pittosporo o Pitosforo) [Vaso Ø18cm]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,4€


Cura e coltura dell'hibiscus palustris

Ibisco palustre L'Hibiscus palustris potrÓ essere sistemato in parchi e spazi aperti ovvero indifferentemente disposto nelle terrazze e balconate di edifici. Di crescita abbastanza celere, giungerÓ in entrambi i casi ad un'altezza di circa 2 metri. AvrÓ bisogno di una terra morbida, discretamente dotata di sostanze organiche e costantemente umida, seppur mai del tutto imbevuta o inzuppata. Se coltivata in vaso, sarÓ opportuno adottare un contenitore di discrete dimensioni, che possa permettere l'accoglimento del robusto sistema radicale e assecondare lo sviluppo della pianta. Le operazioni di rinvaso si dovranno effettuare mediamente ogni 2 anni nel pieno del periodo primaverile: sarÓ molto importante, in questa fase, provvedere anche alla sostituzione di tutto o quasi il terriccio, ormai consumato e inaridito.

  • Ibisco Con il suo rosso acceso e le delicate onde che danno forma ai suoi petali, l'ibisco Ŕ una delle piante tropicali dai pi¨ affascinanti fiori. Come sempre accade per i fiori e le piante di particolare b...
  • Ibisco L'Hibiscus Ŕ un genere di piante appartenente alle Malvaceae che raggruppa circa 300 specie tra piccoli alberi, arbusti e piante erbacee sia annuali sia perenni (in modo preponderante). L'Hibiscus Ŕ u...
  • Il fiore dell'ibisco I fiori dellĺibisco sono la vera peculiaritÓ di questa pianta: sono grandi e appariscenti, hanno una forma particolare, simile a un imbuto o a una campanella, e dal loro interno spuntano i pistilli e ...
  • Illustrazioni botaniche di varietÓ di ibisco L'ibisco, o hibiscus, Ŕ un genere di pianta appartenente alla famiglia delle Malvaceae, il cui nome deriva dal greco, e che annovera al suo interno circa 300 specie differenti. In natura, l'ibisco cre...

Uccello Exotic Decorativa in Metallo, Altezza 66 cm, finemente lavorati Uccello del paradiso decorazione da giardino in metallo figura

Prezzo: in offerta su Amazon a: 29,39€


Fertilizzazione e concimazione della pianta

Ibisco fiore L'erbacea perenne avrÓ normali e non eccessivi bisogni di essere concimata, onde poter assumere i giusti e dovuti nutrienti. La fertilizzazione andrÓ eseguita prettamente durante il periodo estivo, a cadenze bisettimanali, con preferibile limitazione oppure sospensione dei conferimenti nelle altre stagioni dell'anno. Il fertilizzante da adottare sarÓ di natura liquida, da disciogliere nell'acqua di irrorazione, tuttavia potrÓ essere usato anche quello a natura solida, distinto dal rilascio graduale e progressivo, a frequenze ovviamente pi¨ diradate. In tutti i casi, dovrÓ essere specifico per l'Hibiscus palustris o generico per l'ibisco e contemplare la predominanza della componente potassica rispetto alle altre macrocomponenti azotate e fosforate, con il corredo di tutti i necessari ed utili microelementi.


Hibiscus palustris: Esposizione e patologie riscontrabili

Hibiscus pianta La graziosa pianta decorativa troverÓ perfetto posizionamento in un habitat illuminato e soleggiato, senza temere l'esposizione agli irraggiamenti solari, e si adeguerÓ facilmente anche ad ambienti parzialmente ombrosi. Alquanto forte e rustica, generalmente non patirÓ condizioni termiche avverse, tuttavia qualora la temperatura scenda sottozero, si dimostreranno convenienti coperture e pacciamature. L'Hibiscus palustris, infine, sporadicamente sarÓ interessato da malattie fungine, mentre potrÓ essere attaccato da insetti e parassiti, sopratutto dagli afidi. Chiamati comunemente pidocchi delle piante, traggono nutrizione dalla linfa presente nei boccioli e nelle ramificazioni, indebolendo gravemente la pianta. Il contrasto sarÓ affidato a prodotti e detergenti naturali ovvero ad insetticidi specifici a base piretrale.



COMMENTI SULL' ARTICOLO