Gelso

Quanto annaffiare il gelso

Il gelso è una pianta quasi scomparsa del tutto e il suo frutto così buono non è più considerato. Sono rimasti solo alcuni esemplari nei giardini o negli orti di qualche amatore. Si pensa che il gelso prenda le sue origini dalla Cina e che poi si sia diffuso in America, Africa e nel Mediterraneo. Le due specie di gelso nero e bianco sono quasi uguali, tranne che per il colore dei frutti che possono essere scuri e rossi oppure bianchi e giallo chiaro. Il gelso è una pianta da frutto assai longeva e produttiva che resiste anche alla siccità. Tuttavia, per i primi anni di vita bisogna innaffiare sistematicamente iniziando in primavera ogni dieci giorni, mentre in estate gli interventi saranno più frequenti. Quando il gelso diventa adulto è bene irrigare solo nella stagione estiva per garantire l'acqua necessaria ai suoi frutti.
Gelso bianco

Salix babylonica (Salice piangente della Cina) [H. 100-150 cm.]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 48€


Come coltivare il gelso

Gelso nero Per mettere a dimora le piantine di gelso bisogna aspettare la fine dell'inverno o l'inizio della primavera. Il suo sviluppo richiede una distanza fra loro di cinque metri per il gelso bianco e di sette metri per quello nero. La coltivazione di questa pianta di solito non si effettua con il seme, nonostante sia il modo giusto per ereditare numerose caratteristiche genetiche. Il gelso in ogni caso è molto lento nella crescita, in quanto inizia la sua produzione a dieci anni circa. Invece, piantando delle piantine da vivaio si potranno vedere i primi frutti dal terzo anno di vita. La riproduzione e la sua propagazione può avvenire anche per margotta, innesto o talea di radici o rami. Mentre per quel che riguarda la potatura il gelso non ha particolari problemi, anche se bisogna effettuare i tagli dall’inverno alla primavera, meglio se in febbraio e marzo. Infatti si sfoltisce la chioma per ottimizzare la resa.

  • Gelsomino (Jasminum polyanthum) Il gelsomino “jasminum polyanthum” è una pianta rampicante appartenente alla vasta famiglia delle Oleaceae, che conta oltre 300 specie di arbusti rampicanti. Il gelsomino, in particolare, è originario...
  • Gelsomino sempreverde Il Trachelospermum è un rampicante sempreverde che conta oltre trenta specie arbustive di origine asiatica: come ogni gelsomino, si adatta a diversi tipi di climi e ambienti e può quindi crescere anch...
  • annaffiare gelsomino La pianta di gelsomino è in grado di sopportare anche periodi di siccità, ma la sua corretta irrigazione è comunque fondamentale per la stimolazione di crescita e fioritura. A tal fine, la maggiore co...
  • Stephanotis vaso Lo Stephanotis è una pianta che ama un ambiente con un elevato tasso di umidità. Durante il periodo di attività della pianta, da marzo a settembre, le irrigazioni devono essere frequenti, a cadenza se...

Pittosporum tobira "Nanum" (Pittosporo nano) [Vaso Ø18cm]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,6€


Concimare il gelso

Pianta gelso Il gelso in fondo è una pianta rustica che sopporta pure un terreno con pochi nutrienti, quindi arido e povero, ma una migliore condizione aumenterebbe la sua produttività. Infatti possono andar bene dei terreni neutri non compatti e ricchi di sostanze organiche. Coltivare questa pianta significa anche apportare del concime che può contribuire ad un vantaggio finale. Quindi il fertilizzante si applica in inverno usando letame o concime organico maturo. Il composto andrà sistemato uniformemente sulla zona radici ed entro cinque metri intorno, sistemandolo sul terreno che dovrà essere preventivamente sarchiato. La raccolta dei frutti invece avviene di solito verso la fine dell'estate e per essere sicuri di raccogliere dei gelsi maturi bisogna che il frutto si stacchi facilmente e che abbia un colore intenso.


Gelso: Esposizione e possibili malattie

Foglie gelso Sia il gelso bianco che il gelso nero devono essere sistemati al sole e in modo tale da essere ben distanziati gli uni dagli altri. Se la pianta viene tenuta in giardino diventerà riparo e ombra in estate, oltre ad essere ornamentale. Siccome i frutti maturi del gelso potrebbero macchiare cadendo per terra è meglio tenere la pianta lontana da viali o marciapiedi, inoltre è sempre bene controllare le erbe infestanti con diserbi regolari. Tra i metodi più usati per raccogliere i gelsi c'è la sfogliatura e la sfrondatura che vengono effettuate con macchinari appositi. La sfrondatura è rappresentata dal taglio dei rami con i frutti; l'altra invece toglie tutti i frutti e le foglie. La pianta del gelso, pur essendo rustica, è ugualmente soggetta a diversi parassiti, come la cocciniglia, la fersa, e gli afidi che preferiscono i teneri germogli.


Guarda il Video
  • gelso pianta Il Gelso appartiene al genere Morus, della famiglia delle Moracee e si divide in tre specie principali: Morus nigra, Mor
    visita : gelso pianta

COMMENTI SULL' ARTICOLO