Il ginepro

Come irrigare il ginepro

Il ginepro Ŕ una pianta che si presenta con un fusto particolarmente ramificato. Si tratta di un arbusto sempreverde che nasce spontaneo e per tale motivo non necessita di particolari attenzioni per sopravvivere. Tuttavia, nel caso in cui si decida di coltivarlo in giardino, Ŕ opportuno adottare alcuni accorgimenti. Il ginepro Ŕ una pianta che necessita di acqua durante la stagione estiva, specie nei primi 3 anni di vita. Pertanto, se coltivato in luoghi con estati secche e poco piovose, si raccomanda di fornire il giusto apporto di acqua, avendo cura di mantenere il suolo costantemente umido. Una volta che la pianta Ŕ pi¨ adulta, le radici sviluppate sono in grado di resistere tranquillamente anche alla siccitÓ prolungata. Il ginepro Ŕ in grado di svilupparsi tranquillamente anche su terreni acidi, poveri di sostanze nutritive e ghiaiosi.
Pianta ginepro

Cifo Asso di Fiori concime in Polvere solubile per tutte le piante da balcone giardino ed orto - 1 Kg

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,36€


Come coltivare il ginepro

Ginepro bonsai Il ginepro si sviluppa spontaneamente nelle zone con clima temperato ed Ŕ in grado di resistere alle alte e alle basse temperature. La pianta si trova a suo agio anche nelle zone montane con inverni rigidi ed Ŕ presente nei luoghi aridi ed incolti vicino al mare e nei boschi di conifere. Gli alberi di ginepro possono essere coltivati in luoghi pienamente soleggiati oppure in penombra. Non Ŕ necessario mantenerli riparati dal vento dato che hanno un'ottima resistenza nei confronti di questo agente atmosferico. La pianta Ŕ in grado di svilupparsi su diverse tipologie di terreno, ma predilige suoli sciolti, di impasto medio e neutri. Le foglie del ginepro sono aghiformi e sempreverdi. Si tratta di una pianta dioica, quindi i fiori maschili e quelli femminili si trovano su piante differenti. I frutti maturano con tempi abbastanza lunghi e quindi rimangono sulla pianta anche per 2-3 anni. I rametti con le bacche si raccolgono in autunno, tra settembre e ottobre e si lasciano essiccare in ambienti bui, asciutti e arieggiati. Il ginepro si pu˛ moltiplicare attraverso il seme o per talea. Il seme va piantato in piena primavera; la talea va effettuata al termine della stagione primaverile, utilizzando rami nuovi.

  • Frutti di Corbezzolo Il corbezzolo appartiene alla famiglia delle Ericacee, al genere Arbutus ed alla specie unedo. ╚ un piccolo albero sempreverde a lenta crescita, alto mediamente 5-7 m, con una forte attitudine pollo...
  • Filare di Kaki coltivati Il kaki, detto anche diospiro o loto, appartiene alla famiglia delle Ebenacee, al genere Diospyros ed alla specie kaki. Il loto italico Ŕ un albero di grande sviluppo vegetativo, avente una chioma den...
  • Melograno con frutti Il melograno appartiene alla famiglia delle Punicacee, al genere Punica ed alla specie granatum. ╚ un arbusto particolarmente cespuglioso, alto fino a 5 m, con un tronco tortuoso, screpolato e ramific...
  • Frutti di Babaco Il babaco appartiene alla famiglia delle Caricacee, al genere Carica ed alla specie pentagona; Ŕ un ibrido naturale tra la papaia delle montagne (Carica pubescens) e il Chamburo (Carica stipulata).╚...

OSMOCOTE A LENTA CESSIONE (6 MESI) SPECIFICO PER LA COLTIVAZIONE DELLE PIANTE ACIDOFILE IN CONFEZIONE DA 750 GRAMMI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,2€


La concimazione e la potatura della pianta

Bacche ginepro Il primo passo nella coltivazione del ginepro Ŕ quello di preparare il terreno. Durante questa fase Ŕ necessario distribuire del letame maturo, che permette di arricchire il terreno di elementi nutritivi. Se non si riesce a trovare o non si desidera utilizzare il letame, Ŕ possibile ricorrere a un qualunque altro concime organico. Una volta completata la preparazione del terreno di coltura, si procede con la messa a dimora della pianta di ginepro. Negli anni successivi si raccomanda di fornire un concime complesso a lento rilascio. Gli interventi di concimazione vanno effettuati al momento della ripresa vegetativa. La potatura va effettuata durante l'inverno. L'operazione consiste nel rimuovere tutti i rami secchi, danneggiati, posti in posizione d'ombra e verticali. Verso la fine della primavera si procede a raccorciare i germogli troppo vigorosi, che tendono a rendere disarmonica la pianta.


Il ginepro: Malattie e rimedi

Ramo ginepro bacche Il ginepro spesso viene attaccato dagli afidi del cedro e dalle cocciniglie. L'infestazione da cocciniglie si nota per la particolare comparsa di macchie scure sulle foglie. Questi parassiti si cibano della linfa della pianta. In tal modo il ginepro si indebolisce e le foglie cadono. L'attacco da parte degli afidi Ŕ ancora pi¨ pericoloso, dato che questi insetti sono in grado di agire sia direttamente che indirettamente. Infatti, distruggono le foglie del ginepro e, oltre questo, producendo la melata, sono in grado di attirare numerose specie di funghi. Se si dovessero manifestare infestazioni da parte di questi parassiti Ŕ possibile agire manualmente con un batuffolo di cotone imbevuto di alcool. Tuttavia, nel caso in cui l'attacco dovesse essere pi¨ esteso e grave, si raccomanda di ricorrere ad antiparassitari specifici.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO