Calla selvatica

Come annaffiare la calla selvatica

In primavera e in estate la calla selvatica non necessita di abbondanti innaffiature, in effetti potrebbe essere sufficiente anche solo un terreno umido. In inverno non ha bisogno d'acqua, mentre dopo averla piantata nella terra e dopo aver posizionato del terriccio sul tubero è bene effettuare una breve annaffiatura. Siccome la pianta è selvatica sa badare a se stessa senza tante attenzioni. I suoi fiori sono bianchi simili alla calla da tenere in casa e fioriscono in primavera. I suoi frutti invece si presentano dopo un mese e diventano rossi, ma non si possono mangiare perché velenosi. Mentre in autunno la pianta resta piuttosto spoglia, ma con steli nuovi che attendono la prossima primavera. Inoltre, durante la fioritura la calla selvatica emette del calore; questo fenomeno è dovuto alla traspirazione.
Calla selvatica fiori

Ilex aquifolium "Argentea Marginata" (Agrifoglio) [Vaso Ø18cm]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,2€


Come coltivare la calla selvatica

calle selvatiche Esistono trenta diverse varietà di calla selvatica di cui alcuni tipologie sono spontanee in Italia e più precisamente in Sardegna e Puglia, sotto ai 1000 metri. La calla selvatica si semina in autunno usando i semi delle sue bacche oppure si coltiva dividendo i tuberi, ma in estate. Cresce bene nel terreno con humus, drenato e soffice. Per iniziare la coltivazione praticare una buca di circa dieci centimetri dove mettere il tubero ben dritto. Ricoprirlo poi con della terra compatta e innaffiare subito. La calla selvatica si coltiva facilmente e si mantiene ugualmente con estrema semplicità, in più è una pianta davvero bella ed elegante con foglie lunghe e verdi e con bacche e fiori molto gradevoli da vedere. E' sicuramente da giardino, ma quella domestica decora egregiamente anche la casa o la veranda.

  • calla1 La vediamo spesso nei matrimoni e in altre cerimonie: ha un fiore bianco ed enormi foglie verdi. Stiamo parlando della calla, pianta bulbosa ornamentale originaria dell’Africa meridionale e dei Paesi ...
  • calla5 La calla è un fiore annoverato a pieno titolo tra quelli che esprimono in sé diversi linguaggi e significati. Fiore celebrato dal cinema, dalla mitologia e dalla fotografia, la calla racchiude signifi...
  • Calla palustris La calla palutris è una delle piante acquatiche di maggior fascino, soprattutto per coloro che, anche per il proprio specchio d'acqua, non vogliono rinunciare alla presenza di fiori vistosi. La calla ...
  • Un esemplare di calla Il fiore della calla ha un significato specifico: nel linguaggio della botanica indica bellezza, semplicità e purezza dei sentimenti e dell’anima. Non è un caso, quindi, che in molti paesi, tra i qual...

Colori 20+ tuberosa Begonia semi misti

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,05€


Come concimare la calla selvatica

Foglie di calle selvatiche La calla selvatica è una pianta perenne, ma prima di piantare il suo bulbo nella terra occore sistemare il terreno con terriccio da compattare e concimare e poi annaffiare subito. Crescerà da sola e senza problemi, anche se la terra deve essere umida soprattutto in aprile per la fioritura, e bisogna utilizzare un concime specifico all'apparire delle foglie. Alla fine, la calla è una pianta da non potare. Tuttavia, crescendo negli anni si consiglia di posizionarla un po' distante dalle altre piante del giardino, per darle così la possibilità di svilupparsi completamente. La calla selvatica non richiede delle cure particolari e frequenti perché si presenta come una pianta sufficientemente resistente e forte. Un utilizzo interessante potrebbere essere proprio quello di piantare la calla selvatica in zone in cui altre specie non crescerebbero.


Calla selvatica: Esposizione e malattie della calla selvatica

Piccola calla selvatica La calla selvatica va posizionata alla luce per poche ore al giorno, per favorire la fioritura e se in inverno il freddo è davvero gelido si consiglia di coprirla usando un telo. Fra le più importanti malattie e parassiti della calla si possono trovare per esempio: acari, funghi, insetti, virus e batteri. Ecco allora numerosi metodi chimici di difesa che aiutano la pianta a sconfiggere le varie minacce. In effetti le foglie che vengono attaccate presenteranno delle macchie giallastre o rossastre per la morte delle cellule che vengono svuotate del liquido. Questi parassiti pungono le foglie, ma anche il tubero. Nel caso di malattie ed insetti è bene curare sempre la pianta anche se si pensa che sia molto resistente e indistruttibile. Infatti l'infestazione potrebbe addirittura causare una totale debilitazione.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO